Ciclamino di Natale coltivazione, consigli



Nelle case degli italiani quasi non sembra festa se non c’è la tradizionale pianta con grandi fiori rossi, chiamata Poinsettia, ma per tutti nota come Stella di Natale.

Eppure, in sostituzione di questa pianta di origine messicana, ce n’è un’altra, tutta italiana che è rigogliosa proprio nel periodo natalizio: il ciclamino, alternativa italiana alla stella di Natale.

Apprezzatissimo per i colori vivaci dei suoi fiori, il ciclamino può essere considerato una pianta ornamentale a tutti gli effetti.

Essa è una pianta molto resistente, originaria dell’Europa quindi più abituata al nostro clima, rispetto alla stella di natale di origini messicane.
Ciclamino di Natale
Tra le tante varietà, che si distinguono per colore, dimensione delle foglie e sfumature, se ne trovano alcune a fiori rossi, proprio come le Stelle di Natale, perfette per essere in sintonia con gli addobbi natalizi.

Oltre alle ragioni puramente estetiche, il ciclamino è ideale negli appartamenti anche per le sue notevoli doti purificatrici.

Ciclamino: Consigli utili

Il ciclamino non vuole un ambiente molto caldo. In estate va messo nel punto più fresco della casa, dove la temperatura non supera i 15-18 gradi centigradi.

L’inverno è la sua stagione preferita. E’ molto resistente alle basse temperature, può sopravvivere anche a zero gradi. Inoltre
ha bisogno di poca acqua, in quanto soffre i ristagni. Si consiglia di versare l’acqua direttamente nel sottovaso in modo da permettere alla pianta stessa di tirarne a sé la quantità necessaria. Con terreno asciutto può sopportare anche temperature al di sotto dello zero.

E’ importante che la pianta non subisca cambi di temperatura troppo improvvisi e che abbia sempre la giusta esposizione alla luce.

Per far si che il vostro ciclamino si colori nuovamente d’inverno, regalandovi bellissimi fiori, è necessario avere degli accorgimenti nel periodo estivo. Verso giugno, i fiori vecchi, che saranno ormai appassiti, devono essere rimossi insieme alle foglie secche, lasciando intatti solo i bulbi.

La pianta dovrà essere posizionata in una zona protetta dai raggi del sole, meglio se all’ombra. Settembre, poi, è il periodo del travaso.

Dovranno essere messi nel nuovo terriccio e a quel punto anche l’innaffiatura può avvenire con maggiore regolarità, in attesa dell’inverno successivo, in cui il vostro ciclamino sarà nuovamente pronto per abbellire le vostre case in vista del Natale.

Condividi




Amplia i tuoi orizzonti.

Per te stesso, per chi ti sta intorno, per la natura