Luce artificiale per piante, guida all’acquisto


Luce artificiale per piante


Nel loro habitat originario, le piante si sono adattate a condizioni molto diverse di illuminazione. Coltivare le piante in casa, però, è spesso una forzatura, infatti le piante non tollerano una scarsa illuminazione e ambienti come quello domestico, che quasi sempre non vanno incontro alle esigenze delle piante.

Quando si acquista una nuova pianta, è necessario informarsi sulle sue esigenze luminose per permetterle di vivere e crescere in un habitat perfetto alle sue necessità (a questo proposito, nel nostro blog è presente una sezione in cui potrai trovare la tua pianta e scoprire di quanta luce ha bisogno Sezione ricerca piante qui.). 

Per ovviare al problema della scarsa illuminazione in casa, in genere, vengono utilizzati strumenti come la luce artificiale; se volete sapere di più sulla sua efficacia, la sua utilità e avete bisogno di consigli per acquistarla, questo articolo è fatto apposta per voi.

La luce artificiale è sufficiente per la crescita delle piante?

La luce solare è l’equilibrio perfetto delle lunghezze d’onda necessarie per la crescita e la fioritura delle piante, ma non sempre è possibile posizionare le piante alla luce, in quanto molte aree dei nostri appartamenti, ad esempio, sono spesso in ombra o poco illuminate dalla luce naturale e quindi non adatte alla crescita delle piante, ma si può anche utilizzare la luce artificiale per aiutare le piante.

Solo alcune piante con poche esigenze di illuminazione in effetti come ad esempio Pothos e Giglio della pace possono crescere abbastanza bene in uffici senza finestre e con luce artificiale di lampade comuni.

Per permettere alle altre piante di crescere in salute in un ambiente domestico, c’è bisogno di sfruttare l’ingegno e dotarsi di speciali lampade che emettono le lunghezze d’onda necessarie alle piante:

  • Lunghezza d’onda del blu per la crescita del fogliame.
  • Luce rossa a lunghezza d’onda per la fioritura e la fruttificazione.

Una piccola curiosità: le piante non assorbono la lunghezza d’onda del verde e la riflettono, questo è il motivo per cui le piante appaiono verdi ai nostri occhi!

Perché dovrei aver bisogno di luci extra per far crescere le piante?

Non è fondamentale acquistare luci artificiali (in quanto non possono completamente sostituire la luce solare), tuttavia, queste possono essere d’aiuto in alcuni casi particolari.

Quindi quando sono necessarie le luci artificiali? Ecco alcune situazioni in cui potresti averne bisogno:

  • Vorresti aggiungere delle piante per abbellire un angolo buio della tua casa

Hai un bel salone che, tuttavia, non ha finestre e vorresti posizionare delle piante per abbellirlo e arredarlo? Le luci artificiali in questo caso sarebbero un toccasana per le piante che riuscirebbero a vivere nonostante la mancanza di luce naturale. Ma mi raccomando: durante le stagioni calde, le piante dovranno essere spostate all’esterno o in un luogo con luce naturale per assorbire luce naturale! Ricorda che le luci artificiali NON sono un sostituto della luce solare!

  • Vivi in ​​una casa buia

Alcune case semplicemente non ricevono così tanta luce. Puoi ancora avere piante da appartamento, ma assicurati di scegliere la tua pianta con attenzione. Ricorda che le luci di coltivazione non sono un sostituto del sole, ma potrebbero consentire alle piante che amano la scarsa illuminazione di prosperare.

  • Durante le stagioni fredde, le tue piante soffrono

Molte piante hanno difficoltà a sopravvivere all’esterno durante l’inverno . Generalmente, queste tipologie di piante sono originarie dei topici, dove il clima è tendenzialmente caldo anche d’inverno, mentre il clima mediterraneo non solo è meno umido e più rigido, ma anche meno soleggiato.

In questa situazione, le luci artificiali potrebbero aiutare la crescita corretta delle piante anche nei mesi più freddi. Per altre informazioni su come proteggere le piante dal freddo invernale clicca qui.

  • Germinazione e cure extra

È sempre una buona idea tenere da parte una piccola area di giardino/balcone in cui si potranno far germinare i propri semi o dove le piante dall’aspetto più malaticcio potranno riprendersi, e, con l’aggiunta di un’apposita luce artificiale, quest’area diventerà un vero e proprio “ospedale” per le proprie piante, dove potranno crescere in condizioni ottimali o riprendersi nel migliore dei modi.

Si potrebbe pensare che le piante deboli potrebbero preferire essere esposte alla luce naturale: questo è ampiamente vero, ma con l’uso di luci artificiali e delle cure necessarie si eviterebbero molti rischi, come quelli di bruciarle o di farle morire per il freddo all’esterno.

Nel caso in cui la necessità primaria dovesse essere quella di far crescere le piante, non saranno sufficienti le classiche lampadine, ma sarà necessario utilizzare lampadine a spettro completo con un mix di lunghezze d’onda fredde e calde.

Quali lampadine per piante scegliere?

Consigliamo come guida all’acquisto di luci artificiali per piante, delle lampade a LED. Le lampade a LED rappresentano il miglior compromesso tra costi energetici e resa.

Sebbene le luci a LED richiedano un leggero costo superiore, esse potranno durare più del doppio delle altre luci; inoltre, richiederanno meno energia e ciò consentirà di risparmiare denaro nel corso del tempo.

Per piccole piante da interno, come le piante grasse, ad esempio, consigliamo delle lampade direzionali, o anche delle semplici lampadine, che si potrebbero collegare a lampade comuni, queste infatti, hanno un costo energetico molto basso ed una resa luminosa sorprendente. Sono acquistabili qui su Amazon:

Nel caso in cui vorreste coltivare un orto o piante molto grandi all’interno del vostro appartamento, consigliamo delle lampade con una potenza di almeno 300Watt come questa:


Sconsigliamo l’uso delle lampadine a incandescenza esse diventano piuttosto calde e non sono poi così efficienti dal punto di vista energetico. Emettono più luce di lunghezza d’onda rossa.

Sulla sinistra lampadina a incandescenza, sulla destra a fluorescenza.

Suggeriamo inoltre qualora non si disponga delle lampade a LED descritte, l’uso di lampadine fluorescenti, sono abbastanza convenienti e tendono a non surriscaldarsi troppo quando sono in uso, quindi possono essere posizionate abbastanza vicino alla pianta.

Inoltre fare attenzione alla scelta, idealmente, dovresti cercare una lampadina fluorescente a spettro completo BIANCO che includa colori di luce fredda e calda.

Condividi l'articolo!




Amplia i tuoi orizzonti.

Per te stesso, per chi ti sta intorno, per la natura