5+ Metodi su come innaffiare le piante in vacanza


bottiglia-irrigare-piante-durante-le-vacanze

Qui vi proponiamo una guida su come innaffiare le piante in vacanza per aiutarvi a non lasciar seccare le vostre piante durante la vostra assenza.

Pianificare ed adeguarsi alle esigenze delle nostre amate piante è necessario per mantenerle idratate ed in forma.

Durante le vacanze irrigare le piante potrebbe sembrare impossibile, ma con alcuni accorgimenti riusciremo a non far mancare nulla al nostro giardino, senza chiedere aiuto al vicino di turno.

Se le piante sono in vaso, il primo accorgimento da fare è quello di spostare le vostre piante in un luogo ombreggiato, in modo da ridurre l’evaporazione dell’acqua. Avvicinate le vostre piante e lasciate dei recipienti riempiti d’acqua vicino ai vasi cosicché l’acqua, evaporando creerà un microclima umido, bagnare per bene il terriccio prima di partire. Evitare di lasciare le vostre piante al buio.


Pratiche usate per innaffiare le piante in vacanza

Irrigare piante in vacanza
Bottiglie rovesciate gocciolatore

Bottiglie Rovesciate

Una pratica molto usata da utilizzare per irrigare le piante durante le vacanze  è quella dell’uso delle bottiglie rovesciate.
Riempite una bottiglia d’acqua da 1,5l o 2l fino all’orlo e fissate l’estremità aperta al terreno, effettuate un foro con uno spilla nella parte inferiore della bottiglia.

Per una migliore presa sul terreno e un rilascio più controllato è consigliabile un gocciolatore con innesto per bottiglie di plastica, che costa pochi euro, acquistabile in ogni garden oppure a seguente link.



Bottiglie Interrate

Irrigazione in  vacanza bottiglie
Metodo Bottiglie interrate

Nel caso in cui le vostre piante siano disposte in piena terra, un altro metodo molto efficiente, consiste nell’ irrigazione a goccia mediante una bottiglia interrata.
Basterà praticare due piccoli fori sul fondo di ogni bottiglia, e assicurandosi che i fori non siano né troppo grandi da far svuotare in fretta il contenitore, né troppo piccoli da essere ostruiti dal terreno. Se si lascerà il tappo sulle bottiglie, queste si svuoteranno più lentamente e sarà possibile incrementare ulteriormente il risparmio di acqua.


Innaffiare le piante in vacanza con filo
Irrigazione con filo o corda

Sistema di irrigazione con filo o corda

Una buona idea è quella di utilizzare fili di cotone o nylon, è importane non usare un filo sottile, se non disponete di un filo abbastanza spesso, potreste far intrecciare altri fili in modo che trattenga al meglio l’acqua. La procedura consiste nell’immergere un’estremità del filo, nel contenitore, e l’altra estremità interrata per 6-7 cm. Evitare corde con materiali diversi da quelli citati o utilizzare cavi che non trattengano abbastanza acqua.
Inoltre utilizzare contenitori d’acqua, appropriati alle dimensioni della vostra piante ed in base alle sue esigenze.


Tessuto spugna

Un’altra tecnica è quella di utilizzare questo materiale innovativo verdemagic , un disco realizzato in fibra sintetica in grado trattenere una riserva idrica fino a 13 volte il proprio peso, idratando la pianta per molti giorni.
Trattiene l’ acqua e la libera gradualmente sul terreno, mantenendo l’ umidità corretta della terra. Il costo è contenuto circa 4 euro è ideale per brevi periodi di assenza, inoltre è riutilizzabile ed è ottimo anche per contrastare il fenomeno delle erbacce.


Utilizzo di acqua addensata 

Se starete via per più tempo il mercato offre a disposizione altre soluzioni economiche per irrigare le vostre piante durante il periodo di assenza. Gel appositi da inserire nel terreno per irrigazioni dai 20 ai 30 giorni. Le fibre di cellulosa che costituiscono il gel trattengono l’acqua per poi cederla lentamente quando il prodotto viene messo a contatto con il terreno.

Un altro straordinario prodotto è Acquagel, un prodotto nuovo e rivoluzionario perché permette di innaffiare le tue piante automaticamente per 30 giorni in modo naturale e costante.

Il prodotto è naturale e innocuo per le piante, non è tossico per gli organismi viventi, è composto principalmente di acqua, utilizzabile quindi anche su piante orticole.

Il suo funzionamento è semplice quanto efficace, basta versare il gel nel terriccio ed innaffiare, il gel tratterrà l’acqua per molto tempo, rilasciandola lentamente nel terreno.


Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!




Amplia i tuoi orizzonti.

Per te stesso, per chi ti sta intorno, per la natura