';

Ortensia coltivazione e curiosità



Denominate anche “rosa del Giappone”, l’ortensia è un genere di pianta originaria dell’Asia meridionale e orientale (dal Giappone alla Cina, dall’Indonesia e dall’Himalaya) e dell’America del nord e del sud.

Attualmente esistono circa cento specie di piante di ortensia che producono fiori da inizio primavera a fine autunno.

Ogni singolo fiore di ortensia è relativamente piccolo e nella maggior parte delle specie di ortensia è bianco, anche se in alcune specie i fiori possono essere di colore azzurro, rosso, rosa, bianco o violetto.

Nello specifico, la colorazione di questi fiori dipende spesso dall’acidità o dall’alcalinità del terreno; dunque, terreni acidi produrranno fiori blu, terreni neutri produrranno fiori con petali color crema chiaro e terreni alcalini daranno origine a fiori rosa o viola.

Le foglie ovate di ortensia, invece, sono caratterizzate da un verde brillante, da un margine dentellato e sono inoltre caduche ( le foglie più vecchie cadono periodicamente).

Come coltivare un’ortensia?

Prima di cominciare, bisogna decidere la colorazione del fiore, poiché questa dipende dall’acidità del terreno. Quindi:

Ortensia Colorazione Blu


Come ottenere ortensia con fiori Blu/Azzurro

Se vogliamo che la nostra ortensia abbia questa colorazione, sarà necessario un terreno acido. Per renderlo tale, potremo aggiungere al terreno dei fondi di caffè, o il succo di mezzo limone, o del vino, o del succo d’arancia, o altro. Infatti, questi elementi renderanno il pH del nostro terreno più acido. In alternativa, in un negozio di giardinaggio potremo trovare tutto l’occorrente.

Ortensia Colorazione Rosa


Come ottenere ortensia con fiori Rosa/Violetto/Rosso

Se vogliamo che il fiore abbia questa colorazione, il terreno dovrà necessariamente essere alcalino. Ovviamente, anche in questo caso, questa tipologia di terreno è facilmente reperibile in un semplice negozio di giardinaggio, ma in alternativa, si potrebbe aggiungere al terreno cenere di legna o carbonato di calcio.

Tuttavia il procedimento può essere più o meno lungo, quindi acquistare un terreno già pronto è la soluzione più facile e veloce.
Dopo aver preparato il terreno, avremo bisogno o di una piantina di ortensia, o di una talea di ortensia creata da noi.

Se vogliamo coltivare l’ortensia in giardino, dovremo scavare una buca
sufficientemente profonda, riempirla di un mix di terreno acido o alcalino a seconda dei casi.


Ortensia dove posizionarla

L’ortensia non deve essere messa in una posizione soleggiata, poiché predilige le posizioni di mezzombra, quindi dovremo scegliere un angolo riparato dai raggi solari, così da tenere la nostra ortensia all’ombra.

Le ortensie hanno bisogno di particolari attenzioni, vanno innaffiate spesso così che il terreno risulti sempre umido, quindi, soprattutto in estate dovremo stare attenti alle condizioni del terreno e innaffiarle due volte al giorno circa (magari la mattina e la sera). L’acqua del rubinetto va bene per l’innaffiatura a patto che non risulti troppo calcarea.


Ortensie Curiosità


Le ortensie sono una delle pochissime piante che accumulano alluminio.
Quest’ultimo viene rilasciato dai terreni acidi e conferisce al fiore il suo colore blu.

Le ortensie producono i principali grappoli di fiori dalle punte dei germogli
formatisi nella stagione precedente, infatti, se i boccioli terminali di questi
germogli vengono distrutti, la pianta solitamente non riesce a rifiorire.

È per questo importante potare queste piante in modo giusto, poiché, insieme al freddo invernale eccessivo, una potatura non corretta è tra le principali cause di distruzione delle gemme terminali.

Spesso le ortensie, soprattutto quelle blu, sono utilizzate anche come fiori
secchi.

Sebbene la maggior parte delle ortensie fioriscano in estate e in autunno,
alcune ortensie hanno sviluppato la capacita di creare nuovi boccioli in primavera dopo che i vecchi sono stati tagliati o danneggiati.

Ortensia Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori, l’ortensia simboleggia l’amore. Viene regalata agli amanti e può avere significati diversi a seconda della sua colorazione.

L’ortensia bianca simboleggia la nascita di un amore puro e sincero; l’ortensia blu simboleggia l’esistenza di un amore forte e profondo, nonostante i litigi tra amanti e le incompatibilità caratteriali di questi; l’ortensia rosa invece rappresenta l’unicità del sentimento provato nei confronti della persona amata, regalando un bouquet di ortensie rosa infatti si invita l’amante a godere appieno delle gioie che l’amore ci mette dona.

Condividi




Amplia i tuoi orizzonti.

Per te stesso, per chi ti sta intorno, per la natura