';

Pianta Sansevieria benefici e caratteristiche


Sansevieria Trifasciata

La Sansevieria Trifasciata volgarmente chiamata anche Sanseveria, Sansevera è una pianta erbacea perenne sempreverde, molto resistente con foglie succulente spadiformi variegate, originaria dell’ Africa occidentale e dell’ Asia.

Per la particolare forma delle foglie la Sansevieria viene chiamata in nome inglese come “snake plant”, “pianta serpente”. In Italia è conosciuta anche come “lingua della suocera”, probabilmente a causa della punta acuminata con cui terminano le foglie…

Il nome Sansevieria risale al 1765; Vincenzo Petagna fece le prime osservazioni e la prima esperienza botanica nell’orto di Villa Bisignano a Barra e ringraziò la famiglia Sanseverino dell’ospitalità, dedicandogli il genere Sanseverinia, che poi venne mutato da Thunberg nel più noto genere Sansevieria.

Le foglie, carattereistiche sia per colore che per forma, prendono vita dal rizoma della pianta (che si sviluppa appena al di sotto del superficie del terreno) e cresce verticalmente raggiungendo altezze variabili dai 30 cm ad oltre un metro, a seconda della specie.

Ci sono alcuni tipi di sansevieria che formano una rosetta di foglie e che vengono per questo chiamate “nido di uccello”.

Sebbene la differenza di forma tra alcune specie, le foglie presentano la medesima colorazione, verde scuro con striature più chiare, con strisce lungo i margini di colore dorato.

Se ben curata e se posizionata correttamente, cioè, in un ambiente luminoso ma non esposte direttamente alla luce del sole, la pianta fiorirà anche se estremamente raro che avvenga con coltivazione in casa. I fiori sono raggruppati in un’infiorescenza bianco-verdastra a forma di spiga che emana un piacevole odore dolciastro.

La pianta di Sansevieria è estremamente rara vederla fiorita in ambienti domestici.

Sono piante robuste e poco esigenti, come detto amano la luce, l’ombra però non risulta essere un problema perchè ne rallenta solo la crescita, ma sarà la diretta responsabile della colorazione della vostra Sansevieria, la quale con poca luce tenderà ad uniformarsi sul verde scuro, perdendo le striature all’interno e sui margini della foglia.

Orignarie degli ambienti tropicali, temono il freddo, di conseguenza sono perfette per il nostro appartamento e solo tra la primavera e l’estate è consigliabile spostarle all’esterno.

Non hanno bisogno di molte cure, le annaffiature variano a seconda del periodo, da ogni due settimane nel periodo estivo a ogni tre settimane in quello invernale, inoltre durante la stagione fredda fino a febbraio posizionando la pianta in una zona di maggiore ombra ad un temperatura più bassa rispetto a quella tradizionale dei 20° la Sansevieria attraversa un leggero riposo vegetativo.

Ma siamo sicuri che la Sansevieria ha bisogno del micro clima della casa, o siamo noi ad aver bisogno della Sansevieria?

  • Emette ossigeno di notte.
  • Purifica l’ambiente.

Da studi scientifici dell’Università di Sheffield (Gran Bretagna) è emerso che anche l’aria presente in casa è molto inquinata, spesso anche più inquinata di quella per strada. Complice di questo alto tasso di inquinamento in primis è il fattore esterno, ossia dove si trova la nostra abitazione, in secondo luogo, utilizzando prodotti quali deodoranti, detersivi o nel compiere azioni quotidiane come cucinare, vengono sprigionati una serie di gas, alzando i livelli di monossido di carbonio presenti nell’aria.

E’ possibile risolvere questo problema grazie a piante come queste, che combattono l’elettrosmog e che assorbono la formaldeide, per non bastare la Sansvieria ha la capacità di produrre ossigeno durante la notte, ciò la rende perfetta per il nostro ufficio e per qualsiasi ambiente della nostra casa.



ARTICOLI CORRELATI

Le migliori 5 piante che purificano l’aria.

Tillandsia la pianta antismog.




Grazie per aver letto questo articolo!

Ci piacerebbe informarti ed aiutarti di più sulla cura delle tue piante!

Seguici sulla nostra pagina Facebook per restare aggiornato e saperne di più sul mondo delle piante.