Come prendersi cura della Pleiospilos nelii (Pietra vivente)


Pleiospilos_nelii

Pleiospilos nelii è una pianta grassa originaria delle zone semidesertiche , imparentata con il Lithops, una succulenta che abbiamo già trattato in questo articolo Lithops perchè marcisce ogni volta.

A volte il Pleiospilos viene confuso con il Lithops, esso però ha molte differenze:

– La sua forma, ha due o quattro foglie opposte, motivo del quale viene spesso chiamato in inglese “Split Rock” ossia roccia spaccata.

– Non cresce sepolto fino al collo nel terreno;

– È più grande di qualsiasi Lithops;

– Produce molti più fiori contemporaneamente.

Il Pleiospilos nelii è una pianta perenne che può raggiungere un’altezza di 8 cm e un diametro di 10 cm. Questa pianta non possiede uno stelo.

Ogni anno produce un nuovo paio di foglie. I fiori molto simili a margherite sono di colore giallo-arancio.L’ ampiezza dei fiori varia in base alla grandezza della pianta. Il periodo di fioritura si estende dall’inizio della primavera ad agosto.

Pleiospilos_nelii_

Pleiospilos nelii cura

Sono piante molto semplici, che richiedono poche attenzioni, si eseguono tecniche di coltivazione simili a quelle del Lithops.

Hanno bisogno di un terreno drenante, abbondanza di sole e ventilazione, una regolare irrigazione leggera nella stagione estiva.

Evitare di esporli in zone ombrate e molto umide, tenderanno a marcire facilmente in caso di errati metodi di irrigazione.

Se innaffiate correttamente, Pleiospilos nelii disporrà massimo 1 o 2 set di foglie. Ogni anno una nuova fila di foglie si sviluppa nel centro e sostituisce le foglie vecchie dell’ultimo anno.

Quando la piante presentano un numero superiore di foglie, è un chiaro segnale che la pianta sta ricevendo troppa acqua. Questo fenomeno viene chiamato “stacking”.

Queste piante inoltre non hanno bisogno di fertilizzante e concimi.

Per quanto riguarda il rinvaso, i Pleiospilos nelii possono restare nello stesso vaso per periodi piuttosto lunghi, evitare l’uso vasi troppo profondi, preferire vasi larghi in terracotta.

Sono relativamente resistenti al freddo e possono sopravvivere anche agli inverni miti.

La maggior parte sopravviverà alle temperature fino al punto di congelamento, per gli appassionati del nord Italia, è consigliabile ritirare questa pianta in una serra fredda, per ulteriori informazioni su come adeguarsi alla stagione fredda, leggere la guida: Come proteggere le piante grasse dal freddo invernale.


Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!




Amplia i tuoi orizzonti.

Per te stesso, per chi ti sta intorno, per la natura